La cannabis aiuta con l'artrite e il dolore? - CBDNOL – CBDNOL IT
1 articolo 0 articolo
Deutsch English Italian French Spain
Trustpilot
  • La cannabis aiuta con l'artrite e il dolore?

    L'artrite cronica è la prima causa di disabilità. Non esiste una cura farmacologica e il numero di persone affette da questa malattia è in costante aumento. Studi di laboratorio e l'esperienza personale del paziente confermano che il THC e la canapa possono ridurre il dolore e l'infiammazione se usati come trattamento per l'artrite, ma mancano evidenze cliniche complete.

    CHE COS'È L'ARTRITE?

    L'artrite colpisce le articolazioni con dolore, gonfiore e rigidità. La malattia di solito inizia nel Medioevo, quando circa 1 persona su 10 inizia a convivere con una qualche forma di artrite. Le forme più comuni sono l'osteoartrite, l'artrite reumatoide, la gotta, il lupus, la fibromialgia e l'artrite settica. Il dolore è un sintomo comune di tutti i tipi di artrite e pochi farmaci possono ridurre questa condizione cronica. Molti pazienti diventano dipendenti da analgesici oppiacei, rischiano la morte o condizioni di vita miserabili. Negli stati nordamericani in cui la cannabis è ora legale, molte persone hanno iniziato a usare terapie a base di cannabis invece di analgesici o per ridurre l'assunzione di oppiacei. In questi stati, i decessi per uso medico di oppiacei sono diminuiti del 25% in pochi anni.

    OLIO DI CANAPA E THC NELLA SCIENZA PER IL TRATTAMENTO CONTRO L'ARTRITE

    La cannabis non è un nuovo trattamento per l'artrite. Dall'antica medicina cinese alla farmacopea ufficiale occidentale fino al divieto della fine degli anni '30, gli estratti di cannabis erano disponibili negli sciamani o sugli scaffali delle farmacie americane ed europee per il trattamento del dolore di varia origine.

    Le prove di recenti ricerche suggeriscono che il THC e l'intero fitocomplesso della cannabis hanno misure terapeutiche nel trattamento del dolore cronico e dell'infiammazione. Test di laboratorio e alcune prove cliniche dimostrano che gli effetti antinfiammatori dei cannabinoidi possono rallentare la progressione dell'artrite.

    Questo studio del 2007 mostra che i nostri nervi sono pieni di recettori cannabinoidi e i recettori CB1 periferici possono essere obiettivi importanti nella lotta contro il dolore da osteoartrite. In questo studio del 2008, il sistema dei recettori dei cannabinoidi è anche un bersaglio sia per l'artrite reumatoide che per il trattamento del dolore da osteoartrite. Qualche anno dopo, nel 2014, questo altro studio ha analizzato come il sistema endocannabinoide sia coinvolto nella modulazione del dolore da osteoartrite. Sono in corso molte più ricerche di laboratorio, mentre sul fronte clinico il medicinale brevettato a base di cannabis Sativex ha mostrato "significativi effetti analgesici nel trattamento del dolore causato dall'artrite reumatoide e significativa soppressione dell'attività della malattia".

    CANNABIDIOLO E VIA NON PSICOTROPICA

    L'olio di canapa è sul radar della scienza per la sua efficacia come agente anti-artritico senza gli effetti psicotropi del THC. Uno dei primi studi sulle misure di canapa ha suggerito una possibile assunzione orale di olio di canapa come sostanza antiartritica, mentre ricerche più recenti concludono che un cannabinoide sintetico derivato dall'olio di canapa è un potenziale nuovo farmaco per l'artrite reumatoide e altre malattie infiammatorie può.

    Anche le preparazioni topiche con olio di canapa vengono analizzate per il loro potenziale terapeutico senza effetti collaterali. L'effetto dei topici di cannabis sull'artrite reumatoide è stato analizzato in una ricerca del 2016, suggerendo che le applicazioni topiche di olio di canapa inducono dolore da artrite correttiva e infiammazione nei ratti senza effetti avversi apparenti. Il recettore della canapa CB2 regola anche la sensibilizzazione centrale e le risposte al dolore associate all'osteoartrosi dell'articolazione del ginocchio, secondo questa ricerca del 2013. Dobbiamo sempre ricordare che i test sugli animali non portano necessariamente a studi umani di successo e successivi trattamenti approvati.

    LA CANNABIS AIUTA L'ARTRITE QUANDO NON È POSSIBILE TROVARE UNA CURA

    Tutte le prove della ricerca ci dicono che sia l'attività di modulazione del sistema immunitario della canapa che del THC possono aiutare le condizioni autoimmuni come l'artrite reumatoide. Questi due cannabinoidi hanno dimostrato di essere antinfiammatori e analgesici e possono ridurre l'ansia e la depressione che spesso si accompagnano a malattie gravi. Almeno nella ricerca di laboratorio e in (molte) esperienze dei pazienti, i derivati ​​della cannabis possono alleviare sia i sintomi dell'artrite che gli effetti avversi degli antidolorifici.

    Nonostante alcuni recenti progressi nella ricerca clinica "ufficiale", la mancanza di dati strutturati è alla base dell'efficacia della cannabis come alternativa terapeutica per l'artriti s per evitare che l'osteoartrite e l'artrite reumatoide siano fornite con protocolli di trattamento specifici per gli operatori sanitari di oggi. Allo stesso tempo, vengono resi disponibili numerosi prodotti cannabinoidi affidabili per la salute umana e, sulla base delle statistiche, le persone li trovano efficaci. Detto questo, gli effetti della fitoterapia sul dolore cronico e sulle terapie per la riduzione del dolore in generale possono variare ampiamente a seconda delle condizioni specifiche del paziente.

    Commestibili di cannabis, oli o estratti inalabili possono aiutare ad alleviare vari tipi di dolori articolari. Balsami e toppers infusi con cannabis consentono ai pazienti di colpire solo le aree dolorose. È stato riferito che questi preparati possono aiutare con alleviare il dolore quasi immediatamente. Questi primi risultati promettenti stanno spingendo la ricerca verso nuove terapie a base di cannabinoidi che si spera possano curare l'artrite. Sono necessarie ulteriori prove. I protocolli di trattamento sono i benvenuti per aiutare i pazienti a ottenere il massimo da ciò che hanno già sperimentato con l'automedicazione della cannabis.
Trustpilot

Fai una domanda