1 articolo 0 articolo
I nostri clienti dicono Eccezionale
4.8 su 5 sulla base di 9041 recensioni
Trustpilot
  • Come il CBD può aiutare contro l'acne

    L'acne è un problema cutaneo molto diffuso, soprattutto negli adolescenti durante la pubertà. Sebbene la malattia non sia pericolosa, mette molto stress alle persone colpite. Ricerche recenti mostrano che il CBD è uno strumento potente nella lotta contro l'acne. Ma cosa dice esattamente la scienza?

    Che cos'è l'acne?

    L'acne è una delle malattie della pelle più diffuse al mondo, che si manifesta prevalentemente durante la pubertà e, più raramente, oltre. L'espressione varia da persona a persona. Nella maggior parte dei casi, l'acne si presenta sotto forma di brufoli, pustole e punti neri nell'area del viso, meno spesso nell'area della schiena e del décolleté.

    Il tipo più comune è acne vulgaris , l'acne comune. A seconda della gravità, è diviso in tre diversi livelli, che vanno dai brufoli e punti neri sul viso come livello più leggero a noduli infiammati che lasciano cicatrici nel livello più grave.

    L'acne è una malattia ormonale che guarisce nella maggior parte dei casi entro la fine della pubertà. La causa dell'acne risiede negli ormoni sessuali maschili, i cosiddetti androgeni . Questi androgeni sono prodotti anche dalle donne, soprattutto durante la pubertà. Stimolano la produzione di sebo della pelle. Il sebo viene rilasciato attraverso i pori. A causa dei cambiamenti ormonali durante la pubertà, viene prodotto più materiale di corno, che ostruisce i dotti dei pori. Il sebo che fuoriesce attira i batteri - si verifica un'infiammazione.

    Ma non solo le fluttuazioni ormonali durante la pubertà sono un fattore scatenante dell'acne, ma anche, ad esempio, aumento dello stress e dello stress psicologico, o numerosi farmaci come psicofarmaci o antibiotici. Una dieta scorretta può anche portare ad un aumento della produzione di sebo e, nei casi più gravi, all'acne.

    In che modo il CBD aiuta con l'acne ?

    L'acne è un problema molto spiacevole per le persone colpite. La malattia è spesso associata a vergogna e diminuzione della fiducia in se stessi. In casi particolarmente gravi può verificarsi anche depressione. Esistono, a seconda della gravità, un numero quasi infinito di opzioni di trattamento, ma in alcuni casi difficilmente portano il beneficio sperato.

    Studi dall'Ungheria mostrano che il CBD può essere usato anche per curare l'acne. Gli scienziati hanno scoperto che i recettori endocanabinoidi che interagiscono con il CBD sono presenti anche nelle ghiandole sebacee e nei follicoli piliferi. Il CBD inibisce la degradazione dell'endocannabinoide del corpo anandamide . Questo a sua volta inibisce l'aumento della produzione di sebo delle ghiandole sebacee.

    Ma non solo le cause dell'acne possono essere trattate con il CBD. Poiché i dotti del sebo si intasano nell'acne e le regioni colpite si infiammano, il CBD contrasta anche questo. Il CBD ha un effetto antinfiammatorio e quindi ha la capacità di trattare con successo le conseguenze esterne dell'acne. C'è meno infiammazione e la carnagione si normalizza.

    Ulteriori effetti positivi del CBD per la pelle

    Oltre all'effetto inibitore sulla produzione di sebo e all'effetto antinfiammatorio, il CBD ha molti altri effetti promettenti sulla pelle e sulla carnagione. Questo lenisce la pelle irritata e arrossata e regola la pelle grassa e grassa. A causa della ridotta produzione di sebo, ci sono meno macchie della pelle come brufoli, pustole e punti neri. Inoltre, il valore del pH della pelle è stabilizzato.

    Poiché il CBD è un prodotto naturale e non ha effetti collaterali, aiuta anche a migliorare e ad abbellire la carnagione nel suo insieme, con o senza acne.

    Sorgente

    Olàh, A.; Toth, B. I.; Borbíro, I.; Sugawara, K.; Szöllõsi, A. G .; Czifra, G.; Pal, B.; Ambrus, L.; Kloepper, J.; Fotocamera, E.; Ludovici, M.; Picardo, M.; Voti, T.; Zoubulis, C.C.; Paus, R.; Bíró, T. (2014): Il cannabidiolo esercita effetti sebostatici e antinfiammatori sui sebociti umani. In: The Journal of Clinical Investigation, 124 (9), pp. 3713-3724.

Trustpilot
Close Icon

Fai una domanda