1 articolo 0 articolo
I nostri clienti dicono Eccezionale
4.8 su 5 sulla base di 9701 recensioni
Trustpilot
  • CBD e disturbi del sonno

    Non hai dormito bene una volta? - Immagino che lo sappiamo tutti. Secondo la ricerca, una persona su tre ha problemi di sonno regolari. Gli studi attuali mostrano che il CBD non solo ha effetti positivi su molte diverse malattie mentali e fisiche, ma può anche aiutarti a dormire di nuovo bene.

    Cattivo sonno e insonnia: da dove viene?

    Tutti noi lo sappiamo: addormentarsi male, svegliarsi più e più volte durante la notte e poi avere problemi ad addormentarsi di nuovo. Questo è perfettamente normale. La medicina parla di un vero e proprio disturbo del sonno quando questi sintomi compaiono per un lungo periodo di tempo. Questo può andare così lontano che la persona colpita non può più tornare alla normalità senza assistenza medica.

    Le cause dei disturbi del sonno sono molteplici. Le fasi più brevi che si attenuano da sole sono solitamente il risultato di fasi della vita eccessivamente stressanti e stressanti. I problemi persistenti del sonno, che si esprimono anche in modo diverso, sono in primary e secondario Disturbi del sonno diviso. Se la causa dei disturbi del sonno secondari sono disturbi psicologici, organici o neurologici, non è possibile identificare la causa dei disturbi del sonno primari.

    larghezza

    Sonniferi con effetti collaterali

    Se l'insonnia diventa permanente, molte persone ricorrono ai sonniferi. È quindi possibile addormentarsi meglio, ma gli effetti collaterali dell'insonnia - alzarsi insonni ed essere rilassati durante il giorno - spesso persistono. Inoltre, i sonniferi comportano l'alto rischio di una rapida dipendenza, motivo per cui molte persone non riescono più a dormire senza farmaci. L'effetto dei sonniferi si basa sui principi attivi chiamati Z-substances e benzodiazepine . Hanno un effetto ansiolitico, miorilassante e antispasmodico.

    Prima di ricorrere ai sonniferi, è importante identificare le cause dell'insonnia. Questo ha per lo più altre ragioni ed è "solo" una conseguenza. Scopri di più nel nostro post: " CBD Oil Experience ".

    Il CBD supporta l'insonnia e aiuta a combatterne le cause

    Il CBD aiuta con una varietà di condizioni, molte delle quali possono essere associate a un sonno scarso. In caso di dolore cronico, ad esempio, anche il sonno può risentirne. I meccanismi d'azione del CBD sono diversi. L'effetto di rilassamento muscolare è benefico per il sonno, ma la capacità di alleviare il dolore rende anche il CBD il farmaco alternativo di scelta per i disturbi del sonno.

    A differenza dei sonniferi convenzionali, l'uso regolare del CBD non porta ad alcuna dipendenza. La ragione di ciò è che con il CBD si attivano solo le sostanze messaggere del corpo. Di conseguenza, il corpo non si abitua ai principi attivi forniti.

    Il CBD ha generalmente la capacità di calmare il corpo e i nervi. La sostanza ha un effetto rilassante e aiuta a ridurre lo stress. Scopri i nostri vari CBD Oil Products .

    Il futuro del CBD per i problemi del sonno

    La versatilità del CBD per vari tipi di malattie ha attirato a lungo l'attenzione di numerosi scienziati. Sebbene non tutti i meccanismi d'azione siano stati ancora completamente studiati, molti esperti stanno già vedendo il CBD come un mezzo alternativo nella lotta contro molti disturbi. Il CBD ha il potenziale per agire su diversi livelli e allo stesso tempo ha molti conseguenze di Per alleviare le malattie. Questo è anche il caso dell'insonnia.

    Il CBD viene utilizzato sempre più precisamente perché molti farmaci per diverse malattie hanno spesso effetti collaterali. Il CBD di solito ha pochi o quasi nessun effetto collaterale, è un ingrediente attivo naturale e può essere coltivato in modo sostenibile. La ricerca futura deve esaminare sempre più gli usi clinici del CBD e verificarne l'applicabilità in molte aree diverse.

    Fonte


    Babson, K.A., Sottile, J.; Morabito, D. (2017): Cannabis, Cannabinoids, and Sleep: a Review of the Literature. Rapporti psichiatrici attuali, 19 (4), pagina 23.

Trustpilot
Close Icon

Fai una domanda