DeutschEnglishItalianFrenchSpain
1 Produkt 0 Produkte
Unsere Kunden sagen Hervorragend
4.7 von 5, basierend auf 3250 Bewertungen
Trustpilot
  • La CBD si rivolge ai sintomi del diabete

    I ricercatori stanno lavorando sui cannabinoidi per combattere sia le cause che i sintomi del diabete. Mantenere un ambiente omeostatico stabile nel nostro corpo sembra essere la chiave per il nuovo trattamento di cannabis per il diabete. Una cura deve ancora venire, ma alcuni sintomi possono essere mitigati con fiori ed estratti di cannabis.

    Il diabete è un insieme di malattie metaboliche derivate dall'incapacità del corpo di regolare la quantità di zucchero, in particolare di glucosio, nel sangue. I livelli di glucosio sono regolati da ormoni come l'insulina, che sono prodotti nel pancreas. Il diabete può causare complicanze a lungo termine come malattie cardiovascolari, ictus, danni ai reni e agli occhi.
    IL SISTEMA CANNABINOID È UTILIZZATO IN ZUCCHERO DI SANGUE
    Un crescente corpo di ricerca conferma le prove aneddotiche che si costruiscono tra i pazienti diabetici e dimostra che la cannabis può avere effetti benefici. THC e CBD effetto anti-infiammatorio può aiutare a infiammazione arteriosa che è comune nel diabete, mentre l'effetto neuroprotettivo può ridurre l'infiammazione dei nervi e il dolore associato. I cannabinoidi possono anche agire come vasodilatatori, migliorare la circolazione sanguigna e avere un effetto anticonvulsivo su spasmi muscolari e disturbi gastrointestinali. La sindrome da irrequietezza diabetica tipica potrebbe anche essere trattata con cannabis per aiutare meglio i pazienti. Recenti studi di laboratorio hanno anche dimostrato che il sistema endocannabinoide potrebbe effettivamente mirare a stabilizzare i livelli di zucchero nel sangue e quindi puntare al cuore della malattia. Sfortunatamente, questa è una ricerca di laboratorio. Oggi non esiste una terapia di cannabis contro il diabete immaginabile.
    LA MASSA DIABETICA OTTIENE MEGLIO CON I CANNABI NEI LABORATORI
    Sebbene la ricerca clinica su pazienti umani sia carente, gli esperimenti di laboratorio mostrano una stretta correlazione tra l'attività del diabete e i cannabinoidi. Uno dei primi studi che dimostrano l'impatto del sistema endocannabinoide sul diabete, è stata fondata nel 2006 con il titolo "cannabidiolo riduce l'incidenza di diabete nei topi diabetici non obesi". Questo studio ha indicato che il CBD può inibire e ritardare l'insulitis distruttivo e la produzione di citochine infiammatorie, con conseguente riduzione dell'incidenza del diabete.
    I ricercatori hanno anche scritto su un possibile meccanismo immunomodulatore specifico che è stato attivato dal CBD. Questa ipotesi è confermata da altri elementi di prova su cannabidiolo, arrestato l'insorgenza del diabete autoimmune nei topi, e da uno studio che ha scoperto alcuni effetti neuroprotettivi di CBD in un modello sperimentale di diabete. La ricerca rileva inoltre che il CBD attenua la disfunzione cardiaca nei topi cardiomiopatici diabetici.
    Uno studio intitolato "Marijuana nella gestione del diabete" è stato pubblicato sull'American Journal of Medicine nel 2013. In questa recensione, l'uso di cannabis passato e presente è stato associato a bassi livelli di insulina a digiuno, glicemia e insulino-resistenza. Secondo questo studio, gli utenti di cannabis hanno meno probabilità di diventare obesi e hanno misurazioni più basse dell'indice di massa corporea. I fumatori di cannabis avevano anche un livello più alto di "colesterolo buono" e circonferenza della vita più piccola. Un risultato importante di questa ricerca è che gli utenti di cannabis hanno un metabolismo di carboidrati migliore rispetto ai non utilizzatori, il tipo di conferma dei risultati dei test di laboratorio che abbiamo visto prima.
    sono uno degli studi più importanti recenti risale al 2015, quando gli scienziati guidati da Raphael Mechoulam, famoso per la scoperta della CBD, hanno dimostrato che le proprietà anti-infiammatorie di cannabidiolo per il trattamento di varie malattie, tra cui il diabete di tipo 2 usati poteva. Infine, ** una ricerca di ottobre 2016 ha dimostrato che il trattamento CBD sperimentale riduce i marker di infiammazione nella microcircolazione pancreatica nei topi. Tutti questi studi concludono che i composti della cannabis hanno un ruolo nel controllare i livelli di zucchero nel sangue e nel ridurre il dolore o altri sintomi del diabete. Non sappiamo ancora come trasformare questi risultati in una medicina.
    STUDIO DI OTTOBRE 2016: MEDIO DI SINTOMI DI DIABETE CON CBD
    Al di fuori dei laboratori e delle case dei pazienti, ci sono molte prove per dimostrare che la cannabis è efficace nel trattamento della patologia oculare, del dolore cronico, dei disturbi del sonno e di altri disturbi legati al diabete. Il modo in cui le persone vengono trattate per il diabete dipende anche dal fatto che la persona abbia complicazioni aggiuntive e la loro salute generale o meno. Alcuni pazienti integrano le loro terapie con cannabinoidi.
    La cannabis può essere il primo Appetito e eccesso di cibo, ma a lungo andare ha l'effetto opposto e può persino proteggere dall'obesità. Gli estratti di cannabis con proporzioni variabili tra THC, CBD, altri cannabinoidi e terpeni, o semplicemente CBD non psicotropico, possono supportare la salute cardiaca e arteriosa. Gli stessi estratti di canapa o di cannabis possono essere usati per produrre creme topiche per alleviare il dolore neuropatico. Viceversa, esiste un potenziale rischio di uso di cannabis nell'ipoglicemia diabetica, in quanto vi sono alcuni dubbi sul fatto che i livelli di glucosio potrebbero passare inosservati
  • Comments on this post (0 comments)

  • Leave a comment

Trustpilot

Kontaktieren Sie uns