1 articolo 0 articolo
I nostri clienti dicono Eccezionale
4.8 su 5 sulla base di 9041 recensioni
Trustpilot
  • Qual è la differenza tra olio di CBG e fiori di CBG?

    Il cannabigerolo, noto anche come CBG, è una delle tendenze più recenti nella comunità naturopatica. Il CBG viene spesso confuso con il cannabidiolo (CBD) ed è anche un estratto di cannabis e piante di canapa che può essere utilizzato per motivi di salute.

    Il CBG è spesso concentrato in due forme: olio di CBG e gemma di CBG. L'olio può essere assunto per via orale o aggiunto a una bevanda mentre si fuma il fiore.


    Cos'è il CBG?

    Come il CBD, il CBG è un cannabinoide. Ciò significa che si tratta di un composto chimico presente nelle piante di canapa e cannabis. Ogni cannabinoide influenza il corpo in modi diversi.

    Il CBG è interessante perché è il "cannabinoide madre" da cui vengono sintetizzati tutti gli altri cannabinoidi. Ciò significa che il CBG viene convertito in altri cannabinoidi, inclusi CBD, THC e molti altri. Per questo motivo, nelle piante di canapa immature si trovano alti livelli di CBG e, nel tempo, il CBG si evolve in altri cannabinoidi.

    La maggior parte delle varietà di cannabis e canapa ha livelli molto bassi di CBG. Poiché la ricerca sul CBG sembra così promettente, sempre più allevatori stanno cercando di creare ceppi ad alto contenuto di CBG.

    Dopotutto, il CBG non è un cannabinoide inebriante. Come il CBD da solo, non può farti sentire "sballato".


    Quali sono i vantaggi del CBG?

    Il CBG ha bisogno di ulteriori ricerche prima di comprenderlo appieno. La maggior parte degli studi sul CBG ha esaminato gli effetti sugli animali piuttosto che sull'uomo. Tuttavia, la ricerca attuale è promettente.

    Secondo la ricerca disponibile sul CBG, può aiutare con i seguenti problemi:

    ● infiammazione
    ● malattie neurodegenerative
    ● Disfunzione della vescica
    ● Nausea e vomito
    ● Infezioni da stafilococco
    ● cattivo umore
    ● glaucoma

    Tuttavia, la ricerca di cui sopra è inconcludente e quindi deve essere studiata ulteriormente prima che questi potenziali benefici possano essere confermati.

     

    Perché usare l'olio di CBG?

    L'olio di CBG è pratico, facile da usare e discreto: puoi portare l'olio nella tua trousse o borsetta.

    L'olio di CBG è particolarmente efficace quando lo gocciola direttamente sotto la lingua. Tieni l'olio di CBG in bocca per circa 30 secondi a un minuto e ingoialo. Questo gli dà il tempo di essere assorbito nel flusso sanguigno attraverso i minuscoli capillari nella bocca.


    Perché usare i fiori di CBG?

    I fiori di CBG sono fiori di canapa o cannabis che contengono alti livelli di CBG. Sono usati nello stesso modo in cui si fuma canapa o cannabis. Puoi mescolare i fiori di CBG con il tabacco come una sigaretta o fumarli puri, il modo più sano per vaporizzarli è con un vaporizzatore.

    Il CBG non è l'unico cannabinoide presente nei fiori: contengono quasi sempre CBD, cannabinolo (CBN), cannabicromene (CBC) e altri cannabinoidi. E la cannabis contiene anche THC, abbastanza da farti sentire ubriaco.

    Molte persone preferiscono fumare la canapa perché è un'esperienza calmante e rilassante. La routine di preparare il materiale per fumare può essere di per sé confortante.

    Tuttavia, questo metodo potrebbe non essere adatto se hai una malattia polmonare o se hai attualmente una condizione respiratoria come la bronchite. Tutti i tipi di fumo possono irritare i polmoni. Inoltre, il fumo del CBG ha un forte odore di cannabis e può portare a malintesi con altre persone.

    Fumare fiori di CBG e ingerire olio di CBG sono due modi popolari per usare il CBG. Entrambi i metodi hanno vantaggi e svantaggi, quindi sta a te decidere cosa è meglio per te.

    Gonfiarsi
    ● Appendice G, et al. (2008). Cannabinoidi antibatterici da Cannabis sativa: uno studio struttura-attività. DOI: 10.1021/np8002673
    ● Borrelli F, et al. (2013). Effetti benefici del cannabinoide cannabinoide vegetale non psicotropo sulle malattie infiammatorie intestinali sperimentali. DOI: 10.1016 / j.bcp.2013.01.017
    ● Borrelli F, et al. (2014). La carcinogenesi del colon è inibita dal cannabigerolo antagonista del TRPM8, un cannabinoide non psicotropo derivato dalla cannabis. DOI: 10.1093/carcin/bgu205
    ● Brierley D.I. et al. (2016). Il cannabigerolo è un nuovo stimolante dell'appetito ben tollerato nei ratti presaturi. DOI: 10.1007 / s00213-016-4397-4
    ● Pagano E. et al. (2015). Effetto dei cannabinoidi vegetali non psicotropi sulla contrattilità della vescica: focus sul cannabigerolo. pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/26197538-effect-of-non-psychotrop-plant-derived-cannabinoids-on-bladder-contractility-focus-on-cannabigerol/
    ● Nadolska K. et al. (2008). Modi di utilizzo dei cannabinoidi nel trattamento del glaucoma. pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/19112869-possibilità-di-uso-di-cannabinoidi-nel-trattamento-del-glaucoma/
    ● Navarro G, et al. (2018). Effetto del cannabigerolo sui recettori cannabinoidi CB1 e CB2 e sui complessi eterorecettori CB1-CB2. DOI: 10.3389 / fphar.2018.00632
    ● Valdeolivas S. et al. (2015). Proprietà neuroprotettive del cannabigerolo nella malattia di Huntington: studi su topi R6 / 2 e topi lesi da 3-nitropropionato. DOI: 10.1007 / s13311-014-0304-z

Trustpilot
Close Icon

Fai una domanda