Informazioni e articoli su CBD e canapa - Blog CBDNOL – CBDNOL IT
1 articolo 0 articolo
Deutsch English Italian French Spain
Trustpilot

CBDNOL Blog

  • 5 idee sbagliate comuni sui canapa CBD

    Come funziona il CBD nel corpo umano? Riesci a riconoscere i fiori di CBD di alta qualità dal loro colore e consistenza e i fiori di CBD non sono davvero psicoattivi? Ti presentiamo le 5 idee sbagliate più comuni sui fiori di CBD e riveliamo ciò che è veramente vero.

    Idea sbagliata 1: la modalità di azione dei canapa CBD non è nota

    La ricerca sul CBD è ancora agli inizi, ma la modalità d'azione di base dei fiori di CBD è già nota. Il CBD interagisce con il sistema endocannabinoide, che è una parte importante del nostro corpo. Soprattutto, il sistema endocannabinoide aiuta il corpo umano a rimanere in equilibrio e garantisce il funzionamento di molte funzioni vitali del corpo.

    Idea sbagliata 2: vengono elaborati solo i fiori di CBD

    La pianta di canapa è probabilmente la pianta utile più antica del mondo e può essere utilizzata per fabbricare numerosi prodotti. Le seguenti parti della pianta di canapa sono particolarmente preziose:

    • Fiore di canapa
    Il fiore di canapa è il bocciolo della pianta di canapa matura. Contiene la maggior parte dei cannabinoidi ed è anche ricoperto di tricomi (queste sono le ghiandole resinose della pianta). I fiori di canapa vengono affumicati o trasformati in una sostanza macinata grossolanamente e utilizzati nella fabbricazione di vari prodotti di canapa.

    • Gambi, semi e fibre
    Questi “residui vegetali” non sono prodotti di scarto. Gambi, semi e fibre della pianta di canapa vengono utilizzati per un'ampia gamma di prodotti, ad esempio tessuti, materiali da costruzione e biocarburanti.

    Idea sbagliata 3: l'origine del CBD non ha importanza

    Certo, l'attuale molecola di CBD è sempre la stessa. Tuttavia, non tutti i prodotti CBD e i fiori CBD sono creati uguali: la qualità delle piante di canapa è decisiva per la qualità del CBD. Ciò è principalmente dovuto al fatto che la canapa è un bioaccumulatore e attirerebbe le tossine dal suolo.

    Suggerimento: assicurati che la tua canapa provenga da colture certificate UE. Quindi puoi essere sicuro che la canapa cresce su un terreno sano e privo di sostanze inquinanti e che i tuoi fiori di CBD sono di qualità perfetta.

    Idea sbagliata 4: i canapa CBD non sono psicoattivi

    Il CBD non ti fa sballare. È corretto, ma non significa che il CBD non sia una sostanza psicoattiva. In effetti, ogni molecola che cambia il nostro cervello e la nostra percezione è psicoattiva. Sia la caffeina che il cannabidiolo sono sostanze psicoattive.

    Importante: poiché il CBD non è inebriante, è uno degli integratori alimentari in Germania. Finché il CBD contiene un massimo dello 0,2% di THC, i prodotti CBD possono essere venduti liberamente in Germania.

    Idea sbagliata 5: il colore consente di trarre conclusioni sulla qualità

    Il colore e la consistenza non hanno nulla a che fare con la qualità dei fiori CBD. Solo il metodo di coltivazione può essere riconosciuto dal colore:

    • Canapa CBD all'aperto sono generalmente di colore più scuro. Questi fiori sono anche leggermente più umidi e più morbidi dei fiori CBD indoor secchi e sodi.

    • I fiori CBD indoor sono spesso più leggeri dei fiori CBD outdoor. Ciò è dovuto principalmente al fatto che i coltivatori di canapa possono ottimizzare e controllare i parametri interni come la temperatura e l'umidità.

    Quindi come puoi individuare i boccioli di CBD di alta qualità? L'odore! I fiori di CBD di alta qualità hanno un odore sottile e naturale che può aumentare quando i fiori vengono schiacciati o aperti. I fiori inferiori, d'altra parte, hanno spesso un odore fortemente fruttato o artificiale.
  • Come sostenere la tua salute con l'olio di CBD naturale

    Spesso discusso, a volte sottovalutato e ancora e ancora apprezzato: l'olio di CBD ha da tempo dimostrato il suo effetto e quindi sempre più naturopati e professionisti medici riconoscono e fanno affidamento su questo olio come mezzo prezioso per il trattamento di sintomi di malattia molto diversi.

    Cosa c'è dietro il nome olio di CBD?

    Dietro il nostro prezioso olio di CBD c'è una preziosa combinazione di ingredienti attivi naturali della pianta di cannabis pura. Lo speciale olio ottenuto contiene molti ingredienti sani tra cui i cannabinoidi speciali. Ciò include i seguenti ingredienti attivi:

    1. CBC - un cannaboide antinfiammatorio e analgesico che ha un effetto positivo sul rinnovamento cellulare.

    2. CBD, che viene utilizzato anche per alleviare il dolore e

    3. CBDA, che ha un effetto antiemetico e combatte la nausea.

    Inoltre, numerosi altri ingredienti come gli acidi grassi omega-3 e omega-6, vitamine come le vitamine B1 e B2, minerali e oligoelementi di alta qualità, clorofilla e carotenoidi creano un incredibile effetto dell'olio di CBD che libera numerosi processi di guarigione in il tuo corpo.

    L'olio di CBD di prima classe, che può essere acquistato da noi anche con olio di CBD, non è stato ancora completamente studiato scientificamente ed è ancora curativo, usato come antidolorifico e rimedio in molti processi patologici e convince con le sue proprietà lenitive, rilassanti e antibatteriche effetto. Il tuo sistema immunitario è supportato dagli effetti dell'olio di CBD e il tuo corpo può concentrare il suo potere interamente sulla lotta contro la malattia. Il delicato ed efficace CBD-NOL è ora utilizzato con successo anche nella medicina medicinale per eliminare l'ansia, alleviare l'epilessia, prevenire il cancro, curare la depressione e curare i problemi della pelle. Malattie croniche e diabete, reumatismi, dipendenze, Alzheimer, artrosi e molte altre malattie e sintomi possono essere trattati efficacemente con il versatile olio di CBD. L'olio svolge i suoi preziosi effetti come antinfiammatorio, preventivo e antidolorifico.

    Dovresti considerare il dosaggio dell'olio di CBD come un fattore importante

    Per reclami lievi e semplici, tre gocce di olio di CBD al 5% sono sufficienti al mattino e alla sera per la prima settimana. Nella seconda settimana, il dosaggio può essere aumentato di 5 gocce. Se hai sintomi più gravi, ti consigliamo 3 gocce al mattino e alla sera per le prime 2 settimane e 5 gocce 3 volte al giorno per la terza settimana. Solo 3 gocce di un 2 percento di olio al mattino e alla sera aiutano contro i crampi allo stomaco e l'insonnia. Se soffri di ansia o nervosismo dovresti prenderlo 3 volte al giorno. Naturalmente ci sono anche disturbi cronici e malattie gravi associate a dolore costante. Puoi usare l'olio al 10% per una settimana con 4 gocce al mattino e alla sera e nella seconda settimana con 5 gocce. A seconda del dolore, la dose può anche essere leggermente aumentata. Come tutte le altre preparazioni, ovviamente il dosaggio dipende sempre dal peso, dallo stato di salute e da eventuali allergie. Una valutazione professionale non è certamente sbagliata qui. In questo modo puoi sfruttare appieno i benefici unici ei poteri curativi dell'olio di CBD per te e il tuo corpo.
  • 5 miti sull'olio di CBD

    Esistono numerosi miti e idee sbagliate sull'olio di CBD. Nel nostro articolo, ti presentiamo i 5 miti più comuni sull'olio di CBD in modo che tu sia meglio informato. Divertiti leggendo!

    Mito 1: "Tutti gli oli di CBD sono uguali"

    Non tutti i tipi di caffè sono uguali, vero? Il cannabidiolo è una sostanza naturale complessa che, oltre al cannabidiolo, contiene un'ampia gamma di utili molecole vegetali come terpeni, flavonoidi e altri cannabinoidi.

    Gli oli di CBD provenienti da diverse fonti vegetali hanno spesso ingredienti molto diversi, anche se entrambi gli oli contengono la stessa dose di CBD. Ciò significa: diversi oli di CBD possono influenzare il tuo corpo in modi diversi.

    Suggerimento: quando scegli il tuo olio di CBD, presta attenzione alla fonte del CBD (ad esempio canapa o cannabis) e al tipo di olio di CBD. In molti casi, un cosiddetto olio di CBD a spettro completo è la scelta migliore: tali oli contengono l'intera gamma di diversi cannabinoidi e preziosi prodotti botanici della pianta di canapa.

    Mito 2: "Il CBD funziona come il THC solo senza intossicazione"

    Questo è un malinteso comune. Il CBD funziona in modo molto diverso dal THC perché interagisce in modo diverso con il sistema endocannabinoide del corpo e influenza il nostro corpo in modi diversi. Dalla serotonina e dai recettori del dolore agli enzimi.

    Mito 3: "L'effetto dell'olio di CBD non è stato dimostrato"

    È corretto: la ricerca sulla CDB è ancora agli inizi e l'esatta modalità di azione per vari disturbi del CBD necessita di ulteriori ricerche.

    Anche così, ci sono innumerevoli studi che hanno esaminato il CBD ei suoi effetti sul corpo umano. Negli Stati Uniti, ad esempio, il CBD è un farmaco approvato per il trattamento delle crisi epilettiche nei bambini. Esistono anche studi su CBD e dolore fisico, disturbi d'ansia, schizofrenia, neurodermite o dolore cronico.

    Mito 4: "Più CBD è meglio"

    Questo è sbagliato per una serie di motivi:

    • I prodotti con un contenuto di CBD più elevato possono essere meno efficaci dei prodotti CBD a spettro completo con meno CBD ma più terpeni e altri cannabinoidi.

    • Il modo in cui prendi il CBD influisce anche su come funziona. Se ingerisci il tuo olio di CBD, il CBD passerà attraverso il tuo tratto digestivo senza entrare nel flusso sanguigno. Far girare l'olio di CBD in bocca per un minuto prima di deglutire ha un effetto migliore, anche se la dose è inferiore.

    • Secondo studi clinici, dosi molto elevate (1.000+ mg / die) aumentano il rischio di effetti collaterali come stanchezza, diminuzione dell'appetito o problemi digestivi. Una volta che la dose è stata ridotta della metà a 500 mg al giorno (che è ancora una quantità enorme) gli effetti collaterali sono diminuiti.

    Mito 5: "Il CBD funziona in poche ore"

    Non aspettarti miracoli dall'oggi al domani. Per alcune persone, il CBD può effettivamente portare a un miglioramento immediato dei sintomi, ma questi sono casi piuttosto eccezionali. Se è la prima volta che provi il CBD, probabilmente non sentirai nulla all'inizio. Spesso, il CBD deve essere assunto per diversi giorni o settimane fino a quando i primi cambiamenti non sono evidenti.

    Suggerimento: determina in anticipo perché stai assumendo CBD. Quindi, nel tempo, osserva come si sviluppano i tuoi sintomi. È meglio tenere un diario del CBD, dove registri il tempo, il dosaggio e l'effetto.
  • La Germania importa quattro varietà di cannabis medica dal Canada.

    La Germania importa quattro varietà di cannabis medica dal Canada

    Da alcuni anni i pazienti tedeschi di cannabis possono acquistare fiori di cannabis dai Paesi Bassi attraverso farmacie tedesche con un permesso speciale. Dalla fine di agosto potrai anche acquistare quattro varietà dal Canada.

    La Germania importa quattro tipi di cannabis medica dal Canada.

    Il numero di pazienti affetti da cannabis in Germania sta aumentando rapidamente e le importazioni dal programma di cannabis olandese non soddisfano le esigenze dei pazienti. I fiori medicinali dal Canada saranno presto disponibili in Germania. Tuttavia, questa può essere solo una soluzione temporanea fino a quando la stessa Germania non si impegna a coltivare la cannabis come medicinale.

    I pazienti tedeschi di cannabis sono stati in grado di acquistare fiori di cannabis dai Paesi Bassi attraverso farmacie tedesche con un permesso speciale negli ultimi anni. La medicina importata è piuttosto costosa e poiché non è coperta dall'assicurazione sanitaria, i "fiori di cannabis medica" ufficiali sono molto costosi a € 15,00 + x / grammo. Nonostante la loro approvazione, molti dei quasi 800 altri pazienti affetti da cannabis in Germania dipendono dal mercato nero più economico o dalla loro grow box. In Germania c'è ancora molta strada da fare prima che ci siano disposizioni standard efficaci per l'assistenza, indipendentemente dal fatto che i pazienti soffrano "solo" di una malattia cronica e dolorosa o se la loro malattia possa progredire o addirittura essere fatale senza cannabis per molti anni il governo tedesco non ha implementato una politica corrispondente per la cannabis medica; Le attuali importazioni dai Paesi Bassi sono state approvate sotto poca pressione da un gran numero di pazienti e l'ordine era a priori impreciso e troppo costoso. Quello che puoi ottenere per € 7,00 nei Paesi Bassi costa da € 15,00 qui. Molti degli 800 pazienti sono coinvolti nel SCM (Cannabis Medicine Self-Help Network) e per anni hanno dato suggerimenti molto migliori quando si tratta di disposizioni standard per la cura dei pazienti di cannabis. L'autoproduzione, ad esempio. Nell'aprile 2016, dopo 17 anni e una serie di procedimenti legali, il paziente con SM Michael F. era eccezionalmente autorizzato a coltivare la propria cannabis Gras @ home. Tuttavia, questa è stata solo una decisione caso per caso e non si applica a tutti. Inoltre, manca ancora che F. in questo possesso del Tribunale amministrativo federale in suo possesso la sentenza valida dello stato federale, nella fattispecie l'Istituto federale dei farmaci e dei dispositivi medici (BfArM), manca ancora. Per questo motivo, il paziente F. non è ancora in grado di coltivare la propria medicina quattro mesi dopo la sentenza della Corte Suprema.

    La coltivazione controllata dallo stato in Germania, pianificata di recente dal Ministero Federale della Salute, è da molti anni nella lista dei desideri dei pazienti, ma è stata avviata solo dopo la condanna del Ministero e quindi non ha visto altra opzione.

    Anche così, con l'importazione di fiori di cannabis canadesi, è stata soddisfatta una proposta di vecchia data. Dalla fine di agosto saranno disponibili "Argyle" e "Princeton", due varietà del programma canadese di cannabis. Seguiranno altre due tribù, "Penople" e "Houndstooth". Nei negozi statunitensi e sul mercato nero canadese che dovrebbero scomparire, le quattro varietà sono conosciute come "Nordle", "Ghost Train Haze", "CBD Skunk Haze" e "Super Lemon Haze".

    Ma prima di poter acquistare i nuovi ceppi, i pazienti di cannabis dovranno rinnovare il loro permesso speciale per includere i quattro ceppi chiedendo al loro medico di compilare questo modulo. Non appena ci sarà l'emblema federale tedesco "Adler", previsto per fine agosto, scompariranno le barriere al fumo delle prime articolazioni "mediche" legali dall'estero.

    Il Canada offre più di 200 tribù ai suoi pazienti

    In Canada, i pazienti possono scegliere tra più di 200 ceppi, mentre in Germania ce ne sono solo sei. Ancora più importante, in Canada è disponibile la capacità che manca nei Paesi Bassi e che deve ancora essere sviluppata in Germania.

    Anche a Vancouver, Toronto e Montreal c'è molta più attenzione sui metodi di analisi. Non vengono misurati solo i due principali ingredienti attivi THC e CBD; alcune aziende hanno volontariamente un "profilo cannabinoide" e possono utilizzare altri ingredienti come il THC-V in modo più efficace. In quanto tale, la disponibilità di un'ampia varietà di ceppi, inclusa un'ampia varietà di cannabinoidi e terpeni, è di fondamentale importanza nel caso della cannabis medicinale. In Canada, a differenza dei Paesi Bassi o della Germania, ciò è già stato implementato da "Health Canada", l'autorità responsabile della coltivazione. Ma anche se tutti gli oltre 200 ceppi canadesi fossero presto disponibili in farmacia, sarebbero noch molto più costosa della cannabis medicinale, che potrebbe essere coltivata qui alle stesse condizioni.

    Nel frattempo, ci sono 34 compagnie di cannabis in Canada, alcune delle quali sono quotate in borsa. In California, la cannabis "medicinale" è stata per anni il raccolto migliore, cioè il più grande prodotto agricolo della nazione. Ora il Ministero Federale della Salute ha deciso di andare avanti e importare qualcosa che potrebbe già essere prodotto a livello nazionale, con un po 'di flessibilità, visione e comprensione dell'economia. C'era una volta un'azienda a Monaco, "Suedhanf", che produceva cannabis terapeutica per scopi di ricerca. Tuttavia, non era autorizzato a spedire il suo prodotto ai pazienti e doveva chiudere perché non era in grado di vendere il suo prodotto.

    I pazienti in Germania attendono con ansia i germogli inviati dall'estero; forse potrebbero anche essere un po 'più economici, più gustosi e anche più efficaci contro il dolore cronico, l'ADHD o innumerevoli altri sintomi rispetto alla cannabis medica olandese. Ma i fiori tedeschi sarebbero sicuramente altrettanto buoni, molto più economici, creerebbero posti di lavoro, genererebbero tasse e risparmierebbero molta CO2. L'attuale fabbisogno del titolare della licenza corrisponde a mezza tonnellata * ed è in aumento. Non appena la complicata procedura di approvazione speciale viene sostituita da un semplice anestetico con effetto dal 2017, tutti gli esperti si aspettano un aumento accelerato del numero di pazienti. In Canada, dove è già com'è, ci sono attualmente 54.000 pazienti su una popolazione di 35 milioni. Tradotto in Germania, sarebbero quasi 100.000. Il governo canadese stima addirittura che entro il 2024 saranno approvati fino a 400.000 medicinali canadesi. I produttori canadesi lo sanno, e d'ora in poi calcoleranno e agiranno un po 'più velocemente delle autorità tedesche.
  • Il rapporto dell'OMS non rileva rischi per la salute pubblica o potenziale abuso di CBD

    Un rapporto dell'Organizzazione mondiale della sanità (OMS) non ha rilevato effetti dannosi sulla salute per il CBD, nonostante la politica federale degli Stati Uniti, ma ha trovato diversi usi medici per il cannabidiolo, noto anche come CBD.

    Secondo un rapporto preliminare dell'OMS pubblicato il mese scorso, il CBD presente in natura è sicuro e ben tollerato negli esseri umani (e negli animali) e non ha effetti negativi sulla salute pubblica.

    Gli esperti hanno inoltre affermato che il CBD, una sostanza chimica non psicoattiva presente nella cannabis, non induce dipendenza fisica e "non è associato al potenziale di abuso". L'OMS ha anche scritto che, a differenza del THC, le persone non possono neppure sballarsi con il CBD.

    "Ad oggi, non ci sono prove di un uso ricreativo del CBD o di problemi di salute pubblica legati all'uso del CBD puro", scrivono. In effetti, le prove suggeriscono che il CBD mitiga gli effetti del THC (sia felice che in preda al panico), secondo questo e altri rapporti.

    Gli autori hanno notato che la ricerca ha ufficialmente confermato alcuni degli effetti positivi della sostanza chimica.

    Il team dell'OMS ha osservato che il CBD "ha dimostrato di essere un trattamento efficace per l'epilessia" negli adulti, nei bambini e persino negli animali e che ci sono "prove preliminari" che il CBD è utile nel trattamento di Alzheimer, cancro, psicosi e morbo di Parkinson potrebbe essere utile. e altre gravi condizioni.

    Riconoscendo questo tipo di scoperte negli ultimi anni, il rapporto ha proseguito affermando: "Diversi paesi hanno cambiato i loro controlli nazionali per includere il CBD come medicinale".

    Ma gli Stati Uniti, dice il rapporto, non sono uno di loro. Come componente della cannabis, il CBD continua ad essere una sostanza controllata dal Piano I, il che significa che ha "un alto potenziale di abuso" dal punto di vista del governo federale. Tuttavia, gli esperti hanno scoperto che gli "usi medicinali non approvati" del CBD sono abbastanza comuni.

    Sebbene il CBD stesso sia sicuro e utile per molti utenti, gli esperti del settore hanno avvertito che non tutti gli estratti di cannabis sono creati uguali, puri o utilizzando gli stessi metodi di estrazione.

    Come riportato dall'organizzazione no-profit sulla cannabis NORML, l'OMS sta attualmente valutando di cambiare il posto del CBD nel proprio programma di farmaci. A settembre, NORML ha presentato una dichiarazione scritta alla Food and Drug Administration (FDA) statunitense in opposizione alle restrizioni internazionali sull'accesso al CBD.

    La FDA, che ha ripetutamente rifiutato di aggiornare la sua posizione sui prodotti a base di cannabis nonostante un ampio e sempre crescente corpo di prove in materia, è una delle numerose agenzie che consiglieranno l'OMS sulla sua revisione finale del CBD.
  • Cos'è il cannabigerolo (CBG)?

    Grazie a una nuova ricerca, i ricercatori hanno trovato più di 100 cannabinoidi nella cannabis, ognuno con i propri effetti unici. Il CBG, o cannabigerolo, è solo uno di quei cannabinoidi e ha un enorme potenziale medico nel trattamento del dolore e della nausea della malattia di Huntington e della sclerosi multipla.

    CHE COS'È IL CANNABIGEROLO?

    Il cannabigerolo, comunemente noto come CBG, è un fitocannabinoide presente nella pianta di canapa. Non è psicoattivo, poiché studi preliminari hanno dimostrato che non ha prodotto effetti inebrianti simili al THC nei topi e nei ratti.

    Il CBG è stato scoperto per la prima volta come componente dell'hashish nel 1964. È prodotto con acido cannabigerolico, o CBGA, che in realtà è uno dei primi cannabinoidi nella pianta di cannabis.

    Quando una pianta matura, gli enzimi nella pianta convertono il CBGA in una varietà di altri cannabinoidi acidi, tra cui THCA, CBDA e CBCA. Attraverso l'essiccazione, l'indurimento e il riscaldamento, la maggior parte di questi cannabinoidi si sviluppa in versioni non acide come THC, CBD e CBC.

    Si ritiene che il CBG sia un lieve antagonista del recettore CB1 del sistema endocannabinoide. Ciò significa che può inibire gli effetti degli agonisti CB1, in particolare il THC, e quindi interferire con gli effetti di altri cannabinoidi. Si pensa che il CBG interagisca con i recettori CB2, ma non è del tutto chiaro se abbia effetti agonistici o antagonistici su questa classe di recettori.

    IL POTENZIALE MEDICO DEL CBG.

    La ricerca sulle qualità medicinali della cannabis è ancora agli inizi. Tuttavia, negli ultimi anni è stata condotta una notevole quantità di ricerche sul CBG, suggerendo che i cannabinoidi hanno un'ampia varietà di benefici medicinali.

    CBG E CANCRO.

    Il CBG mostra un immenso potenziale per il trattamento di un'ampia varietà di tumori.

    Uno studio del 2014 condotto da un gran numero di ricercatori italiani ha dimostrato che il CBG interagisce con target specifici coinvolti nella cancerogenesi e inibendo efficacemente la crescita del cancro al colon.

    I ricercatori hanno studiato la crescita delle cellule tumorali utilizzando un modello in vivo utilizzando topi con cancro al colon. Monitorando da vicino la crescita delle cellule tumorali nei topi sottoposti a trattamento con CBG, i ricercatori hanno scoperto che il CBG era in grado di inibire la crescita dei tumori. Lo fa agendo come antagonista di un gene specifico (noto come TRPM8) e attivando una varietà di altri (inclusi TRPA1, TRPV1 e TRPV2).

    Un altro studio pubblicato nel 1996 ha rilevato che il CBG ha avuto effetti simili sul melanoma. È stato scoperto che il CBG ha ridotto significativamente la crescita delle cellule di melanoma nella pelle del topo. Un altro studio degli stessi autori, condotto nel 1998, ha confrontato gli effetti anti-cancro del CBG con una varietà di altre sostanze, tra cui geraniolo, olivetolo e altro. Lo studio ha scoperto che il CBG aveva la più alta attività di inibizione della crescita contro le cellule tumorali tra tutte le sostanze esaminate.

    Infine, un articolo pubblicato nel British Journal of Pharmacology nel 2011 che esamina le qualità medicinali dei cannabinoidi diversi dal THC entra in grande dettaglio sulle proprietà anti-cancro del CBG e cita diversi riferimenti che il cannabinoide utilizzava per inibire la formazione e la crescita del tumore. trovato nel seno, nella prostata e in altri tumori.

    CBG COME NEUROPROTETTANTE

    Nel 2015, i ricercatori del Dipartimento di Biochimica e Biologia Molecolare dell'Università Complutense di Madrid, in Spagna, hanno scoperto che il CBG possedeva proprietà neuroprotettive uniche. I ricercatori hanno utilizzato 2 diversi modelli in vivo della malattia di Huntington nei topi, caratterizzata da una progressiva degradazione delle cellule nervose nel cervello.

    Lo studio ha scoperto che il CBG è molto attivo come neuroprotettore, migliorando i deficit motori mentre conserva i neuroni. Lo studio ha anche dimostrato che il CBG potrebbe influenzare positivamente l'espressione di alcuni geni legati alla malattia di Huntington.

    Un altro studio pubblicato nel Journal of Neuroimmune Pharmacology nel 2012 ha esaminato il CBG ei suoi effetti sulla sclerosi multipla.

    Lo studio, condotto dai ricercatori di Vivacell Biotechnology España, ha scoperto che il cannabigerolo è un potente antinfiammatorio e neuroprotettivo. Utilizzando un modello in vivo, i ricercatori hanno scoperto che il CBG ha aiutato a mediare i sintomi della SM mentre modulava l'espressione dei geni chiave coinvolti nella malattia.

    Entrambi gli studi concludono che il CBG, sia da solo che in combinazione con altri cannabinoidi / trattamenti, mostra risultati promettenti per lo sviluppo di farmaci e trattamenti sia per la MH che per la sclerosi multipla.

    CBG e sollievo dal dolore zione

    Il CBG, come altri cannabinoidi come il THC e il CBD, mostra risultati promettenti nell'alleviare il dolore neuropatico.

    Un brevetto del 2011 di Otsuka Pharmaceutical e GW Pharma afferma che il cannabigerolo, così come altri cannabinoidi (come CBC, CBDV e THCV) aiutano ad alleviare i sintomi del dolore neuropatico nei topi. La ricerca dei due colossi farmaceutici mostra che il CBG ha aiutato i topi a riprendersi dal dolore causato da danni ai nervi indotti chirurgicamente.

    Poiché il dolore neuropatico generalmente non risponde al trattamento con oppiacei e altri farmaci, rappresenta un enorme progresso nella gestione di questo tipo di dolore. È anche importante notare che la ricerca sopra menzionata ha scoperto che il CBG era più efficace nell'alleviare il dolore neuropatico nei topi test a basse dosi.

    ALTRI BENEFICI MEDICI DEL CBG

    A parte gli studi sopra menzionati, ci sono molte più prove dei benefici medici del CBG.

    Ad esempio, uno studio del 2009 ha rilevato che il CBG riduce la pressione intraoculare nei gatti con glaucoma. Studi del Consiglio suggeriscono anche che il CBG può aiutare a trattare la nausea e il vomito, sebbene questa ricerca non sia stata ancora replicata negli esseri umani. Infine, il CBG ha anche mostrato effetti antinfiammatori che possono aiutare a trattare e gestire la malattia infiammatoria intestinale.

    DOVE PUOI TROVARE CBG?

    Sfortunatamente, la maggior parte della canapa viene raccolta per THC o CBD. Ciò significa che in realtà viene raccolto abbastanza tardi nel suo ciclo di fioritura e quindi contiene bassi livelli di CBG. La maggior parte della canapa oggi sul mercato contiene solo l'1% circa di questi cannabinoidi.

    La ricerca sulle variazioni di cannabinoidi nella cannabis suggerisce che i ceppi autoctoni indiani possono contenere livelli più elevati di CBG rispetto ad altri ceppi. Si raccomanda inoltre ai coltivatori di raccogliere le loro piante intorno ai tre quarti del ciclo di raccolta per livelli più elevati di CBG.

    Nel 2013, i ricercatori dell'Università Tecnica di Dortmund hanno analizzato il contenuto di cannabinoidi di Bediol, un ceppo medicinale di Bedrocan BV nei Paesi Bassi. I ricercatori hanno coltivato il ceppo per un totale di 8 settimane e hanno analizzato i cannabinoidi nelle piante ogni settimana. I livelli di CBG erano più alti alla settimana 6.

    CBG: una nuova centrale elettrica medica?

    È abbastanza ovvio che il cannabigerolo ha mostrato un enorme potenziale medicinale. Il fatto che sia un composto non psicoattivo è particolarmente promettente, poiché gli effetti inebrianti del THC e di altri cannabinoidi psicotropi possono scoraggiare molte persone.

    Tuttavia, è importante ricordare che questa ricerca scientifica ha i suoi limiti. E mentre questo articolo raccoglie molte ricerche sul CBG e sui suoi benefici medicinali, stiamo solo grattando la superficie quando si tratta di comprendere questo potente cannabinoide.
Trustpilot

Fai una domanda